Torre di San Giovanni 1.jpg

LA PORTA DI SAN GIOVANNI

L'UNICA TORRE PORTA DI DIFESA VERSO MONTE

Potrebbe interessarti...

SAM_1996.JPG

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Castello di Monte Ursino, da torre di avvistamento a complesso fortificato

SAM_0386.JPG

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Passeggiata Dantesca, la natura a due passi dal mare

SNC01421.jpg

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Chiesa San Paragorio, il Monumento simbolo di Noli

 

La Porta di San Giovanni

La torre é alta 22 metri ed ha base rettangolare, particolarmente

curiosa e la sua pendenza di 80 centimetri lato mare.

La struttura risulta articolata su tre piani e la base poggia su solidi pilastri in pietra del Finalese sormontati da eleganti archi gotici. Costruita forse nel XIII secolo, insiste su una preesistente cinta murata a cui appartiene anche l’elegante ponte che si collega alla torretta, detta di Sant’Antonio.

 

Sotto il porticato è ancora visibile l’originale portone in legno ricoperto di lamierino, che rappresenta un importante reperto storico preservato intatto nei secoli.

 

Fuori le mura, lungo l’antica mulattiera che portava all’entroterra (attualmente Via Monastero), rimangono le “impronte” di due importanti edifici religiosi attivi in età basso-medievale:

  • la chiesa di San Giovanni, o dei Cavalieri di Malta;

  • il Monastero di Santa Maria del Rio, dal singolare elegante portale d’ingresso con all’interno ancora presente il suo antico pozzo.

Chiesa di San Giovanni

Della costruzione originaria si possono vedere ancora il portale romanico e i resti della muratura trecentesca sul fianco sinistro.

Oggi sconsacrata, nel passato viene utilizzata come sede spirituale dei Cavalieri di Malta che la fanno edificare nel XIV secolo.

Monastero di Santa Maria del Rio

Il monastero ha grande importanza nel periodo di maggior benessere e rilievo politico di Noli.

Gli edifici ospitano una regolare vita monastica femminile dal XIII secolo fino al 1530. Successivamente, il convento passa ai monaci Olivetani di Finalpia, cambia nome e diventa di San Benedetto.

Nel 1764 le soppressioni volute da Napoleone cancellano ogni traccia di vita religiosa nel Monastero di San Benedetto di Noli.