Sant Anna 1.jpg

ORATORIO DI SANT'ANNA

FOLKLORE POPOLARE E TRADIZIONE RELIGIOSA

Potrebbe interessarti...

SAM_1996.JPG

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Castello di Monte Ursino, da torre di avvistamento a complesso fortificato

SAM_0386.JPG

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Passeggiata Dantesca, la natura a due passi dal mare

SNC01421.jpg

Redazione: Nolitourism.it

Logo ridotto.jpg

Chiesa San Paragorio, il Monumento simbolo di Noli

 

L' Oratorio di Sant'Anna

E' un edificio in stile barocco con facciata incompiuta, costruito per dare sede ai Confratelli di Sant'Anna, dopo che il vecchio oratorio (che si trovava accanto al Vescovado) fu giudicato troppo piccolo per le esigenze della Confraternita. L'interno, molto luminoso, presenta sulla volta pregevoli campate di stucchi decorativi, opera di Vincenzo Scala. In apposite nicchie sono alloggiate le casse processionali di Sant'Anna (opera di Antonio Brilla) e del Cristo Risorto. Gli scanni settecenteschi sono attribuiti all'artigianato toscano, mentre elevata sopra l'altare è ancora visibile la splendida "Sacra Famiglia"; opera di Vincenzo Suarez (1788). Sei tele di Giuseppe Bozano (1842) adornano le fiancate del l'oratorio. Tra queste, la più rappresentativa è certamente quella raffigurante "La traslazione delle reliquie di Sant'Eugenio" dall'Isolotto di Bergeggi verso la chiesa di San Paragorio. Tra gli arredi sacri presenti nella chiesa, vi sono due croci con il Cristo morente (opere di ignoto scultore ligure), riccamente adorne di motivi a foglie dorate, che sono trasportate dai fedeli nelle processioni votive, seguendo il tradizionale svolgersi di antichi riti tramandati dalla cultura popolare.

Teatro "Luigi Defferrari"

Prende il nome dal benefattore Luigi Defferrari, che nel 1923, in supporto alla Cooperativa Nolese Amici dell'Arte, ne copre le spese di acquisto, pari a 30.000 lire.

In passato è stato quasi certamente uno dei teatri di Noli, fatta eccezione per il periodo di occupazione delle truppe napoleoniche, quando si narra che il teatro viene utilizzato come ricovero dei cavalli dell'esercito e come cantina. Il Teatro è attualmente sede di appuntamenti artistico-culturali (concerti, rappresentazioni teatrali, incontri letterari, proiezioni) durante tutto l'anno.